TROVATO ALGORITMO VINCENTE IN DETERMINATI CASINÒ ONLINE (GULP!!!)

Giuliano Tosi, l’uomo che piegò i casinò online…

mi ha contattato via email offrendomi il suo sistema di gioco. Prezzo?  € 45 (prezzo affare perché il passato l’opera fu venduta anche a 700 euro!!!). Di fronte a tale irripetibile opportunità, non ho potuto dire di no… Ricevuto il pagamento, il nostro Giuliano Tosi diligentemente e tempestivamente mi manda la preziosa opera: 5 paginette di cui le prime 3 e metà della quarta inutili, condensando quindi il tutto in poche decine di parole di seguito riportate fedelmente, senza nessuna violazione di diritti perché le indicazioni fornite e qui riportate sono ad oggi scadute, visto che nel frattempo l’algoritmo ha fornito una diversa strategia di gioco:

FORMULA ALGORITMO ROULETTE ONLINE

Terminata la parte teorica, passiamo alla formula pratica che i software sono stati in grado di leggere nei seguenti casinò online e testata su migliaia di boules:   CASINÒ X, CASINÒ Y, CASINÒ Z, CASINÒ K e CASINÒ W (vengono indicati i nomi dei 5 casinò nei quali sarebbe efficace la strategia)

Si prendano in riferimento le ultime 24 boules e si proceda a sommare il valore totale di questi numeri. Se il totale di questa piccola permanenza che ha dato vita ad un doppio ciclo teorico per le terzine, formerà un valore inferiore a 240, si copriranno le terzine 8-9-10-12. Se il totale di questa piccola permanenza che ha dato vita ad un doppio ciclo teorico per le terzine, formerà un valore superiore a 550, si copriranno le terzine 2-4-5-6. Si giocheranno tali formazioni in progressione per un massimo di 8 colpi. Se entro tale attacco le terzine non daranno vincita, la partita si considererà perdente.

Come detto in precedenza, su tutte le partite, la percentuale di vincita  stata intorno al 99.5% e quindi gli esiti sono da considerarsi straordinari. Il periodo di copertura di tale algoritmo varia da 30 a 60 giorni e in ogni caso, vi informeremo tramite email cambio codice.

Questo è tutto ed a quanto riportato vanno aggiunte semplicemente poche indicazioni e consigli di gioco.

Dopo aver fatto la banalissima constatazione che, praticamente, quando si succedono eccessive (quasi irreali) sortite di numeri bassi si indica di giocare numeri alti e viceversa e che ben sapendo come la roulette generi equilibrio solo attraverso fasi di squilibrio e di scarto (e dunque forse non sarebbe servito tanto studio per arrivare a prevedere che dopo una forte uscita di tanti numeri bassi è lecito attendersi qualche numero alto e viceversa), mi son messo a fare qualche test, macinando un po di permanenze. In 5000 colpi analizzati ho rinvenuto 7 situazioni in cui la somma dei 24 numeri superava il valore di 550 e nessuna situazioni in cui tale somma era inferiore a 240. In pratica, se questa fosse la media, si condurrebbe un attacco ogni 700 colpi, un po’ pochino in realtà; non solo ma è anche stridente con il consiglio che viene suggerito (“…Non cercate di ottenere più di 15 vincite ogni giorno. Dopo questo traguardo, spegnete il pc e riprendete il giorno successivo…”), visto che con questa media, per giocare 15 partite occorrerebbero circa 10.000 colpi,  cioè almeno 55 ore, andando a razzo! Pertanto, sulla base di queste constatazioni, ho ritenuto legittimo porre qualche domanda al sig. Giuliano Tosi; è nato uno scambio di email, curioso pur se nulla definente se non il nervosismo del mio interlocutore, i cui contenuti trovo interessante pubblicare e saranno dunque l’oggetto del prossimo capitolo. 

Leo Martini Lorenzi

12 pensieri su “TROVATO ALGORITMO VINCENTE IN DETERMINATI CASINÒ ONLINE (GULP!!!)

  1. Buongiorno signor Leo,
    leggo sempre ogni suo nuovo articolo e seguo giornalmente il suo blog. Questo dovrebbe farle capire che ho sempre avuto stima e positiva considerazione nei suoi confronti. Però leggendo stamane questo suo nuovo articolo sono rimasto deluso perché mai mi sarei aspettato di saperla interessata ad avere da altri le soluzioni al nostro gioco e men che meno che lei potesse pensare di avere tali soluzioni da un lavoro venduto dapprima a 700 euro e poi a 45. Indipendentemente dal fatto che possa essere vero che qualcuno pagò così tanto, le può sembrare vero tutto ciò? E se non fosse vero, potrebbe essere credibile uno che racconta di vendere la stessa cosa prima a 700 e poi a 45?
    Sig. Leo, la facevo un po più smaliziato.

    1. Buongiorno Luca,
      credo di dover chiarire un paio di concetti perché forse c’è qualche malinteso…
      1 Io sono un appassionato e uno studioso di roulette e in quanto tale sono attento ed incuriosito da ogni cosa nuova che vedo. È questo un periodo in cui si fa un gran parlare di algoritmi e procedimenti che si basano su qualcosa di diverso dalla statistica, dallo scarto, dall’equilibrio, dalla legge sulle figure etc, punti su cui si sono sempre basati gli studi tradizionali. Tutto questo mi interessa a priori perché non si è mai finito di imparare. Se poi questo interesse “a priori” diventa una delusione o una fregatura “a posteriori”, amen! Nulla di grave è successo.
      2 A prescindere dal prezzo e quindi dai 700 o dai 45 euro, non ho mai pensato che fosse, pensiero che lei -frettolosamente- mi attribuisce, la soluzione; certo, a 700 euro non avrei comperato nulla ma 45 sono poca roba. Io non so lei ma in 30 anni di passione per la roulette, in libri e sistemi avrò speso oltre un migliaio di euro e sono convinto che, aldilà del valore del singolo acquisto, siano stati tutti spesi bene. È questo un punto importante che sento la necessità di chiarire meglio e sarà l’oggetto del mio successivo articolo. Ci tengo a sottolineare che lo studioso non acquista in ottica di soluzione del problema ma in ottica di apprendimento e quindi di avvicinamento alla soluzione del problema. Che poi la riduzione del prezzo da 700 a 45 fosse sintomo di poca serietà è vero. Ma è tutto il nostro mondo che funziona così, non si è mai accorto? È pagliaccio solo che dice di aver ridotto da 700 a 45 il prezzo di un sistema di roulette e non è pagliaccio chi le fa lo sconto rottamazione della caldaia, dei mobili e del materasso? Suvvia, siamo in un mondo di pagliacci che usa argomentazioni da pagliaccio; dunque perché stupirsi solo a corrente alternata?
      3 Ho il dovere di dire che il sistema in questione, pur nella impossibilità materiale di applicazione, visto che nei miei test presenta un’occasione di gioco ogni 700 colpi!!), nelle mie prove non è mai saltato e questo, pur se è un dato relativo, va comunque detto.

      Leo Martini Lorenzi

  2. Buongiorno,

    Se questo sistema di gioco rende al 99,5% è sicuramente vincente, sempre se la percentuale dichiarata è reale.
    Ad ogni chiusura la percentuale di vincita è del 4% quindi si possono vincere molte partite di seguito prima di saltare.
    Chiedo a Leo quante parite hai giocato nella tua verigfica?

    Domenico

  3. Buongiorno Domenico e grazie per il tuo intervento.
    Sono costretto a fare qualche precisazione perché non vorrei che mi venissero attribuite affermazioni che non sono mie o che non condivido:
    1-Giocare 4 terzine e cioè 12 numeri per 8 colpi corrisponde ad avere il 95.65% di possibilità di vittoria; questo è un dato matematico e prescinde da ogni eventuale strategia o selezione.
    2-Il creatore di questa strategia, il sig. Giuliano Tosi, dice che questa tipologia di gioco vince nel 99.5% dei casi e cioè un 3.85% in più di quello che la matematica concede. Questo dato è vero? Io non so rispondere a questa domanda perché, come ho già scritto, ho testato il gioco in 5.000 boule, dove ho potuto fare solo 7 partite; vero che le ho vinte tutte ma sono solo 7, un po’ pochine per arrivare a fare considerazioni profonde…
    Il mio commento a questa situazione è il seguente: io credo che la percentuale di vittorie possa essere superiore a quel 95.65% che la matematica concede. Non so se poi possa essere davvero del 99.5% però potrebbe avvicinarsi nel momento in cui la selezione del colpo avesse valenza. Ma il problema di questo modo di giocare è un altro ed è dato dalle poche situazioni di gioco. Come si fa a imbastire una strategia nel momento in cui hai una situazione di gioco una volta ogni 700 colpi? Questo è anche ciò che ho chiesto al sig. Tosi ma risposte non ne ho avute, come si potrà verificare quando pubblicherò lo scambio di email che ho avuto con lui.

  4. Grazie per la risposta Leo.
    In effetti difficile stabilire su solo 7 giocate la validità di questa strategia, ma credo che sia un sistema che non porti a nulla, praticamente è come aspettare uno scarto per poi cercare la compensazione, um paio di salti di fila, cosa possibilissima e ti rimette con i piedi per terra.
    Volevo invece chiederti se il tuo sistema lo fornisci con foglio excel o con un softwere e se nel frattempo sono state fatte delle migliorie.
    Domenico

  5. Ciao Domenico,

    per quanto riguarda il Lugano, è a disposizione sia il foglio excel che un software; io ho praticamente sempre fornito tutt’e due le possibilità poi ognuno si regola come meglio crede.In merito alle migliorie, è stata fatta l’evoluzione del sistema, Un tacchino a Lugano, che è disponibile e scaricabile gratis nell’apposita sezione del sito. In realtà, più che un’ evoluzione è un altro sistema, pur ispirandosi, di base, sempre alle medesime situazioni. Personalmente, quello che mi piace di più è sempre la prima versione, più dinamica e meno noiosa. Dopo l’aggiunta della nuova manovra di recupero non sono state fatte altre modifiche. Io personalmente ho imparato a darmi un stop loss con ripartenze con un po’ di aumento del pezzo base e questo funziona bene; ma non è strategia che si può scrivere come fossero regole, è solo pratica ed esperienza.
    Buona settimana!

  6. Domanda; più semplice usare il softwere o il foglio excel? io sono per la massima semplicità e pertanto ti chiedo se le giocate vengono indicate dal softwere e foglio o ci sono valutazioni che dovrei fare?
    Fare calcoli stressa, per giocare questo sistema si necessita di parecchie ore.

    Domenico

  7. Tutt’ e due gli strumenti sono impostati per far si che si debba inserire solo il numero uscito; poi cosa giocare, quanto giocare e gestione totale della partita sono elaborati dai programmi; quindi nessun calcolo e nessuna valutazione.

    Leo

  8. Tutte cazzate… non esiste nessun sistema e nessuna strategia… io purtroppo sono vittima di questo maledetto gioco e sono molto arrabbiato soprattutto quando leggo articoli che spiegano come battere la roulette. Questi articoli sono tutti pubblicati da chi ha interesse a a far giocare… altra vergogna è chi offre a prezzo salato metodi infallibili per vincere… ma nel 2020 come si fa a credere a simili idiozie? Costoro sono tutti maledetti truffatori che andrebbero rinchiusi in cella…
    Le roulette online sono tutte gestite da algoritmi che in base alle puntate fanno uscire i numeri a loro vantaggio e quindi non esiste sistema che possa sconfiggerle…

    1. Caro henry, che dire?
      Credo che le “cazzate” siano condensate nel suo commento piuttosto che nell’articolo a cui lei fa riferimento. Una cosa infatti è certa: o non lo ha letto oppure, avendolo letto, non ne ha minimamente capito i contenuti. Si tratta infatti di una presa in giro di chi sostiene che un algoritmo permetterebbe di vincere alla roulette. Leggendo inoltre il suo commento (fuori luogo) e le sue susseguenti certezze, appare evidente che lei perda, abbia perso e continui a perdere alla roulette. Cosa potrebbe fare se non perdere in una disciplina tanto delicata ed incerta chi di incertezze non ne ha nemmeno una? E poi… per fortuna esistono quelli che perdono… altrimenti i casinò sarebbero chiusi da tantissimo tempo… Vada quindi avanti così, garantendo con i suoi soldi lunga vita ai casinò e, contemporaneamente, a noi la possibilità di divertirci. Termino approfittando della sua competenza e chiedendone una delucidazione: se, come lei dice, non esiste nessun sistema e nessuna strategia, perché mai le roulette online dovrebbero ricorrere anche ad altri mezzi come algoritmi “che in base alle puntate fanno uscire i numeri a loro vantaggio…”?

      Stia sereno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.