FINALMENTE IN VENDITA LUGANOONLINE

Sembrava un lavoro che non dovesse finire mai. Invece ci siamo riusciti! I due software che gestiscono il LuganoOnline sono a disposizione. Qui sopra i quattro pacchetti in vendita.

Una guida attenta, dettagliata, precisa e carica di utili consigli metterà il giocatore nella migliore condizione di combattere contro le tempeste che la roulette dovesse scatenare. Sono contenuti suggerimenti per un uso assolutamente prudente ed indicazioni per un gioco più disinvolto. Poi ognuno sceglierà secondo le proprie attitudini. I due software sono stati pensati per essere ottimizzati in un uso combinato. Sono però autonomi, indipendenti uno dall’altro, impiegabili singolarmente con strategie che differiscono; esattamente come a differire è pure il principio che li governa. Lasciamo a chi lo vorrà il piacere di scoprirne l’uso, la versatilità e la semplicità nell’impiego.  Un’ affermazione però siamo in grado di farla e di garantirne la certezza: con l’impiego del software n°1 il pericolo più grosso che potrà correre il giocatore sarà quello di perdere al massimo 13 pezzi, mai di più!

Il tutto su: therouletteclub.com/roulette-strategy/

5 pensieri su “FINALMENTE IN VENDITA LUGANOONLINE

  1. Ciao Leo, leggo che è stato ridotto il passivo della fase 1 (da 18 a 13 pezzi). Ma per la fase due, quella di recupero quanti pezzi prevede la manovra? Anche in questo caso è stata ridotta?
    Grazie

    1. Ciao Roberto,
      per la prima parte del gioco il software prevede che, quando una puntata persa arriva a portare lo scoperto oltre i 12 pezzi, il gioco si interrompe accusando tale passivo. Una manovra simile non è, viceversa, attuabile nel tentativo di recupero operato dal 2° software perché non si può sapere quando e quanto tempo occorra per arrivare a recuperare tutto o anche solo una parte (non è sempre necessario riguadagnare tutti i pezzi persi precedentemente) del passivo. Pertanto non vi è nulla di preimpostato. Tuttavia abbiamo fatto dei test su oltre 1 milione di colpi che ci hanno portato a considerare proficuo impostare uno stop loss a 200 pezzi. Infatti tale limite è stato superato solo nello 0,7% dei casi, esattamente in 467 partite su un totale di 62.063.

  2. Ciao Leo, grazie del chiarimento, però mi sfugge qualcosa: se in 467 partite accetto il passivo di 200 pezzi, 467×200 fano 93400 pezzi che sono nettamente superiori agli altri 62063 di vincita. Dove sbaglio ?
    Grazie

    1. Non sbagli, Roberto!
      Il tuo calcolo è esatto però non tiene conto di due fattori fondamentali. Il primo dice semplicemente che non è scontato vincere un solo pezzo a partita. Il secondo, il più importante, è dettato dal fatto che in un gioco tassato, dove pertanto la matematica condanna inesorabilmente il giocatore (e siccome tutti i giochi sono tassati, questo starebbe a significare che, matematicamente, tutti i giocatori sono condannati a perdere) l’unica speranza per poter avere degli utili è determinata dal saper rendere l’inevitabile sconfitta talmente remota o lontana da poterci cucire attorno la possibilità di ricavare utili. Io capisco bene che ci sono giocatori (non mi riferisco assolutamente a te per il semplice fatto che negli anni hai ripetutamente dimostrato di aver capito quel è la condotta esatta da adottare) che, passando per grandi esperti di roulette magari perché frequentatori assidui di casinò oppure perché moderatori di qualche forum, ancora oggi non hanno altra strategia se non quella di cercare l’evento che non succederà mai; ma purtroppo questa gente non ha capito nulla e se non ha ancora capito, dopo anni e anni di ricerca di strategie, probabilmente non capirà mai che la strada è un’altra. Ed è quella, ripeto, del rendere remoto l’evento nefasto. Questo è, quasi da sempre, il punto di partenza di tutte le mie ricerche. Questo è quello che sono convinto d’aver trovato impostando questa nuova versione del Lugano online. Con una attenta gestione del gioco, con una strategia votata si alla prudenza ma senza comunque rinunciare al guadagno, l’evento negativo (quel meno 200 di cui stiamo disquisendo) con una condotta neanche tanto accorta si presenta una volta ogni 46 mila colpi e con una condotta più prudente ed intelligente arriva a sfiorare i 100 mila colpi. Ora, poiché 46 mila colpi per uno che ne gioca 200 al giorno sono 230 giorni mentre 90/100 mila colpi sono un evento che può avvenire un anno si ed un anno no, io sono certo che con questi dati sia assolutamente probabile ottenere globalmente degli utili. Poi, certo, non si può pensare di mettere a rischio 100 euro e ricavarne giornalmente 50. Anzi, chi pensa questo è solo persona attirata dall’azzardo ma che la roulette possa non essere un gioco d’azzardo ma una maniera per speculare è un concetto cui io credo e sul quale già anni fa, qui su questo mio blog, avevo espresso il mio punto di vista.

      Leo M. L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *